#datibenecomune

Privacy Network promuove la campagna #datibenecomune, con cui chiediamo al Governo dati aperti e machine readable sull’emergenza Covid-19 e più trasparenza nella gestione e monitoraggio della pandemia.
Cosa chiediamo, in breve:
Dati aperti e machine readable

Rendere disponibili, aperti, interoperabili (machine readable) e disaggregati tutti i dati comunicati dalle Regioni al Governo dall'inizio dell'epidemia.

Trasparenza

Rendere pubbliche le evidenze scientifiche, le formule e gli algoritmi utilizzati

Collaborazione

Recepire nella gestione, pubblicazione e descrizione dei dati tutte le raccomandazioni della task force “Gruppo di lavoro 2 – Data collection and Infrastructure“.

Accountability

Nominare un/a referente COVID-19 su dati e trasparenza.

Queste che chiediamo sono importanti misure di trasparenza e accountability, due colonne portanti della democrazia nel mondo in cui viviamo, dove i dati - ed il modo in cui sono usati - determinano la nostra vita.
Il dibattito tra regioni italiane e governo si fa sempre più aspro, proprio a causa della scarsa comprensione delle modalità con cui sono elaborati i dati della pandemia, e dell'opacità del funzionamento degli algoritmi che determinano l'assegnazione delle zone di rischio.

Vuoi saperne di più?

Leggi la nostra lettera aperta e firma la petizione

Ultimi aggiornamenti

A dieci giorni dal lancio la campagna ha raggiunto più di 30mila privati cittadini e cittadine, e più di 120 adesioni di organizzazioni, redazioni di giornali, e aziende che chiedono al governo di rendere pubblici e disponibili in formato aperto i dati relativi alle decisioni prese per gestire l’emergenza coronavirus.
Cosa è successo negli ultimi giorni?
10 novembre: molte persone fanno notare come la licenza su dati e documenti pubblicati sul sito del Ministero della Salute e sul sito dell’Epicentro ISS ne blocchi l’utilizzo, perché non consente opere derivate (è una licenza CC BY-NC-ND 3.0). Se i dati che richiediamo ci fossero, paradossalmente non sarebbero utilizzabili!
11 novembre: giunge la notizia di un accordo tra Istituto Superiore di Sanità (ISS) e Accademia Nazionale dei Lincei, in base al quale l’ISS metterà a disposizione degli esperti dell’Accademia i dati raccolti e i ricercatori dei due enti collaboreranno per le analisi di vari aspetti epidemiologici. Un accordo privato, su dati che continuano a non essere disponibili. Aspetteremo la pubblicazione per farne una valutazione più approfondita.
12 novembre: Andrea Borruso, presidente dell’associazione onData, tra le promotrici dell’iniziativa, interviene su SkyTG24 per spiegare le ragioni della petizione.
13 novembre: il deputato Luigi Marattin di Italia Viva chiede conto dell’apertura dei dati sui 21 indicatori alla sottosegretaria Sandra Zampa in un’interrogazione parlamentare urgente alla Camera, senza sostanzialmente ottenere risposte soddisfacenti.
21 novembre: Matteo Navacci, co-founder di Privacy Network, interviene nella rubrica Progress di SkyTG24 per approfondire il tema della necessità di trasparenza dei dati e degli algoritmi per la valutazione del rischio COVID.

Ulteriori aggiornamenti disponibili periodicamente anche su change.org

Alcuni approfondimenti

La scarsa trasparenza dei dati, la mancanza di vera accountability, e l'opacità dei processi decisionali automatizzati sono problemi che coinvolgono anche l'intero sistema di contact-tracing digitale, che ha come sua punta di diamante l'app Immuni.
Privacy Network è impegnata fin dall'inizio dell'anno in un'attività di sorveglianza continuativa del sistema di contact-tracing e di tutto ciò che riguarda il trattamento dei dati per la gestione della pandemia.
Ecco alcuni nostri approfondimenti:
Post Thumbnail

La fede incondizionata nel contact tracing

In Italia ci siamo buttati a capofitto in un progetto che le stesse pubbliche istituzioni non capiscono fino in fondo..
Post Thumbnail

Immuni: quello di cui nessuno parla

Immuni, l'app di contact tracing italiana, è partita. Eppure ci sono molte questioni da affrontare, con importanti implicazioni per la.
Post Thumbnail

Immuni, un rischio per la nostra democrazia

Nel silenzio delle istituzioni, e in assenza di pianificazione e governance, Immuni rischia di essere un pericolo per la nostra.
Post Thumbnail

(non)Ancora Immuni

Il contact-tracing digitale è un ottimo mezzo per combattere la pandemia che sta mettendo a dura prova tutto il pianeta,.
Post Thumbnail

Dal contact-tracing allo Stato di Polizia

Il confine tra salute pubblica, sorveglianza e repressione di massa si fa sempre più sbiadito. Il COVID rischia di giustificare.
Post Thumbnail

Covid: un algoritmo tra regioni e governo

Comprendere il funzionamento degli algoritmi per l'assegnazione del rischio, le modalità di elaborazione dei dati, e le logiche di valutazione.